Sensore di movimento delle fototrappole

Le fototrappole utilizzano un sensore a infrarossi passivo (PIR) che riconosce la variazione della radiazione infrarossa emessa da oggetti, animali o persone in movimento.

YouTube player

Come funziona il sensore PIR?

Il sensore contiene un elemento di rilevamento della radiazione infrarossa ed è generalmente alloggiato in una custodia metallica montata sul circuito stampato della fotocamera.

Gli elementi del sensore sono posizionati dietro filtri ottici (finestre) che consentono al sensore di vedere una distanza specifica comunemente chiamata distanza di rilevamento.

Sensore di movimento delle fototrappole

La quantità di IR rilevata attraverso ciascuna finestra viene bilanciata e considerata come IR statico o ambientale.

Se il sensore non rileva cambiamenti nella quantità IR ambientale, la fototrappola rimane inattiva.

L’accensione della fototrappola si verifica quindi solamente quando il sensore rileva un cambiamento della radiazione causato dal movimento (IR dinamico).

Lenti Fresnel

Davanti al sensore PIR viene posizionato un pezzo di plastica ricurvo formato da una serie di lenti Fresnel.

Lenti Fresnel

Queste lenti condensano la luce fornendo al sensore una gamma maggiore di Iuce infrarossa.

Lenti Fresnel

Sul retro della plastica nera sono disegnati degli anelli concentrici che dividono l’area di rilevamento in più zone.

Lente Fresnel fototrappola

Il design e la disposizione di questi cerchi sono molto importanti perché determinano l’angolo e le zone rilevate dalla fototrappola.

Guide Fototrappolaggio

Fototrappole per animali

Le migliori batterie per fototrappole

Leggi italiane sulle fototrappole

Dove posizionare la fototrappole

WhatsApp
Facebook
Telegram
Luca Gherardi

Luca Gherardi

Guida Ambientale Escursionistica AIGAE e Consulente di Digital Marketing

Articoli del blog